Comune di Rimini - Piano Strutturale Comunale

Logo stampa
 
 
 

Presentazione PSC

  • Cos'è il piano
    Introduzione ai nuovi strumenti urbanistici

    La legge regionale 20 del 2000 ha sostituito il vecchio Piano Regolatore Generale (PRG) con uno strumento urbanistico tripartito (Piano Strutturale Comunale (PSC), Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) e Piano Operativo Comunale (POC)).
    Il precedente PRG era immediatamente prescrittivo e le previsioni pubbliche andavano realizzate entro cinque anni mediante esproprio, diversamente si incorreva nella decadenza dei vincoli.

     
  • Ragioni del piano
    Descrizione delle ragioni

    La programmazione del futuro della nostra città ruota attorno a due innovativi strumenti. Il primo è il Piano Strategico, un articolato processo che ha il compito di definire, in modo condiviso e partecipato, la visione e le linee dello sviluppo, indicando le azioni da intraprendere nel breve, medio e lungo periodo per rendere la città e il territorio riminese sempre più competitivi e attraenti nel contesto regionale, nazionale e internazionale.

     
  • Priorità
    Descrizione delle priorità

    Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 03/05/2007 è stato approvato l'"Atto di indirizzo per la redazione del nuovo strumento urbanistico (Piano Strutturale Comunale) introdotto con la legge regionale n. 20/2000", dal quale emerge che la risoluzione di quelle che sono le questioni principali, strettamente legate alla crescita in termini qualitativi della città e delle condizioni di vita complessiva, dovranno essere affrontate andando ad intervenire prioritariamente sulle seguenti tematiche:

     
Sei in: Accessibilità

Dichiarazione di conformità

Conformità e transizione (al 21 giugno 2010) al rispetto dei 22 requisiti del regolamento tecnico della legge 04/2004

Come dichiarato nella pagina principale, con i validatori automatici del W3C è stata verificata la rispondenza alla definizione formale XHTML 1.0 Strict e gli elementi/attributi sono stati utilizzati in modo semanticamente conforme alle specifiche del linguaggio stesso.

Le diverse pagine sono state testate con i seguenti browser e relativi sistemi operativi, da una definizione standard di 800x600 pixel a salire:

  • Piattaforma Windows: Internet Explorer 6, 7 e 8, Opera 9.63, FireFox 3.0, Chrome 1.0, Safari 4 Public Beta;
  • Piattaforma Apple: Safari 3 e FireFox 2.0;
  • Piattaforma Linux: Konqueror 3.5 e FireFox 2.0.

Abbiamo riscontrato quanto segue:

  • non vi sono differenze di funzionalità, contenuto informativo o presentazione della pagina degne di nota tra i browser usati per i test;
  • le pagine rimangono fruibili anche in caso di disattivazione delle immagini e/o dei fogli di stile, linearizzazione, ingrandimento dei caratteri (carattere "molto grande" in Internet Explorer, ingrandimento del 200% in FireFox e Opera), disattivazione di script;
  • la pagina risulta navigabile con il solo uso della tastiera e l'impiego di una normale abilità;

Sono state verificate le differenze di luminosità e di colore tra il testo e lo sfondo secondo gli algoritmi e i limiti (125/500 punti) proposti dal W3C.